In attesa dei dati ufficiali dell’ISTAT, oggi analizzeremo insieme i dati sul turismo 2020 attraverso una panoramica basata sulle previsioni di CISET, il Centro Internazionale di Consulenza e ricerca sul turismo e di UNWTO, (World Tourism Organization), l’Organizzazione mondiale del turismo.

Dal punto di vista della crescita appare positiva la situazione in Italia: è previsto un aumento del 3,1% di arrivi in più nella penisola rispetto a quanto registrato nell’anno passato, ovvero circa 74 milioni. Difficile predire in maniera esaustiva gli effetti finali del Coronavirus nel settore del turismo, tuttavia in linea generale anche a livello mondiale il turismo sembra essere in buona salute: i dati pronosticano un aumento fino al 4% dei viaggiatori, che corrisponde a circa 1,5 miliardi di spostamenti.

I dati sul turismo mondiale e in Italia: le previsioni per il 2020

Dati Turismo 2020

Dati sul turismo mondiale

Secondo l’analisi dei dati sul turismo 2020 riportati a gennaio da UNWTO, gli spostamenti dei turisti internazionali sono cresciuti del 4% rispetto al 2019, questo nonostante la lentezza della domanda a causa delle tensioni geopolitiche e commerciali che hanno interessato l’anno passato. Dal punto di vista dell’aumento della spesa turistica, Francia e Stati Uniti potrebbero nuovamente guidare la classifica, mentre dal punto di vista della crescita, secondo i dati turistici i paesi emergenti avranno una marcia in più: gli arrivi internazionali in Asia, nell’area Caraibica, nel Medio Oriente e nel Nord Africa già lo scorso anno si sono allineati alla media mondiale.

Lo scenario è abbastanza favorevole nonostante si sia rilevata una tendenza generale alla prudenza nei comportamenti dei viaggiatori, dovuta alla persistenza delle più recenti tensioni geopolitiche mondiali.

Resta comunque invariato il rafforzamento del settore turistico, la bilancia commerciale fa registrare previsioni più che positive poiché sulla base dei dati riportati dalle destinazioni in tutto il mondo è prevista una crescita fino al 4% sugli arrivi dei turisti.

Dati sul turismo in Italia

Quest’anno i dati sul turismo 2020 in italia dimostrano una crescita di arrivi totali attestati a +3,1%, un risultato più moderato rispetto al biennio 2016/2018 ma comunque superiore ai mercati emergenti come Cina e Sud-Est asiatico. I flussi incoming e outcoming verso l’Italia raggruppati in 4 aree (Area Mediterranea, Europa Centrale, Nord Europa, Extra Europa) permettono di avere una visione accurata rappresentata in percentuale, infatti:

  • +1,5% di flussi provengono dall’Area Mediterranea, in particolare dalla Francia che rappresenta i ⅔ dell’area con quasi 5 milioni di arrivi
  • +1,9% provengono dai paesi dell’Europa Centrale, ovvero circa 26 milioni di arrivi, in particolare dalla Germania con flussi che si attestano intorno al +2%
  • +1,5% sono i flussi relativi ai paesi del Nord Europa, equivalenti ad oltre 6 milioni di arrivi, con il Regno Unito che presenta circa 4 milioni di arrivi
  • +4,8% riguardano i flussi dei i paesi extraeuropei con arrivi principalmente provenienti dagli Stati Uniti e dal Giappone che dimostra un interesse crescente per l’Italia

I dati sul turismo 2020 confermano l’interesse crescente nei confronti dell’Italia, le cui bellezze sono sempre più valorizzate e apprezzate a livello globale. La penisola è sempre di più la meta preferita dai viaggiatori consapevoli, poiché soddisfa esigenze di interesse storico, artistico e culturale, ma anche legate al food e al Made in Italy.

Dati sugli italiani all’estero

Il flusso turistico italiano verso l’estero rappresentato dai dati sul turismo 2020 testimonia un aumento del +3,3% di viaggiatori, con circa 24 milioni di arrivi pronosticati.

In sintesi i flussi verso le aree principali dimostrano:

  • +3,8% di flussi verso l’Area Mediterranea, in particolare verso la Francia che è la principale meta preferita dagli italiani con più di 7,5 milioni di partenze
  •  +2,9% è la crescita del flusso verso l’Europa centrale
  • +3% riguardano i flussi verso il Nord Europa con il Regno Unito che da solo mantiene il 70% rispetto alle altre destinazioni nord europee
  • +2,2% verso i paesi Extra Europa con destinazioni privilegiate verso gli Stati Uniti

L’influenza del Coronavirus sui dati turistici 

Le ultime analisi sui dati turistici parlano chiaro: l’impatto del Coronavirus ha già avuto qualche effetto nel settore del turismo. Viaggi annullati, spostati, rimandati da e per la Cina, ma anche verso il Giappone, la Corea del Sud e gli Stati Uniti. Gli esiti finali sono ancora incerti, non si può prevedere se e quanto questa emergenza rallenterà gli spostamenti su lungo periodo e se tutto ciò avrò un esito negativo sul turismo. 

Per evitare di generare panico e la diffusione di fake news, la Federturismo Confindustria, in collaborazione con il MIBACT e con l’Ospedale Spallanzani di Roma ha indetto una task force per garantire un corretto flusso di informazioni.

Dati sul turismo mondiale

Conoscere i dati sul turismo per creare un efficace piano di marketing 

L’importanza dei dati sul turismo 2020 è indubbia per gli operatori turistici che desiderano migliorare o ridefinire le proprie strategie di marketing. 

Un aiuto per acquisire una buona prassi per il tuo business puoi trovarlo gratuitamente nella nostra Guida al Digital Marketing per Esperienze Turistiche. Raccontaci il tuo progetto, potremo offrirti una consulenza personalizzata oppure partecipa ad uno dei nostri corsi dedicati:

Impara a creare una strategia di web marketing turistico dalla A alla Z

Scopri di più
Valentina Alfarano

Valentina Alfarano

Laureata in comunicazione e marketing e specializzata in storytelling and performing arts, lavora nel settore digital come copywriter, si occupa di redazione editoriale ed è docente di corsi di comunicazione, marketing e scrittura creativa.

Hai domande? Scrivici su whatsapp