Skip to main content
NEWS

Iubenda e gli altri tool online per la privacy per adeguarsi al GDPR

By May 3, 2018October 7th, 2020No Comments
gdpr_iubenda_tool_strumenti_per_essere_compliant_privacy

Come diventare subito, in quattro e quattr’otto GDPR compliant? Come adeguarsi al volo alle novità introdotte dal nuovo regolamento per la protezione dei dati personali, dei tuoi clienti e non soltanto?

Una domanda che non pochi si sono già posti: se da una parte la consulenza di un legale, specializzato in materia di privacy e protezione dei dati, sia l’opzione migliore, dall’altra vi sono servizi online che possono darci una mano almeno a muovere i primi passi, come Iubenda e Nabirumail.

Nel post di oggi, daremo un’occhiata agli strumenti che potranno aiutare la tua impresa turistica a agire con sicurezza ad adeguarsi al GDPR.

 Disclaimer: i dettagli contenuti in quest’articolo non vogliono sostituirsi a una consulenza legale, approfondita e certificata, in materia per il tuo caso specifico d’impresa.

Cos’è Iubenda e perché potresti usarlo per il tuo sito web?

Iubenda è una startup software-as-a-service specializzata nella gestione della normativa sui Cookie e che nella pratica ti consente di produrre privacy policy in modo molto semplice, veloce e automatizzato per i tuoi siti web, App mobile e App Facebook.
Per farlo, ti basterà elencare quali sono gli elementi del tuo sito web che lavorano utilizzando i dati personali degli utenti, dall’uso di Google Analytics alle Newsletter ai bottoni per la condivisione sui social. E il tutto a soli 19€/anno per la versione Pro.

Niente male, eh? Il servizio – a dire di Iubenda, scelto già da “oltre 30.000 clienti in più di 100 paesi” – non si sostituisce alla consulenza di un legale e anche la startup ci tiene a precisarlo (trovi il disclaimer nel footer del sito web): vi sono, infatti, delle situazioni in cui versano determinate imprese che sono troppo specifiche per essere trattate con un servizio automatizzato quale quello proposto da Iubenda. Per rimediare e offrire una soluzione anche in questi casi, l’impresa fornisce un servizio aggiuntivo di assistenza legale personalizzata.

iubenda gdpr privacy policy sito web

Come funziona Iubenda?

Anche Iubenda, come molte startup di oggi, gioca sul modello Freemium e permette di generare una privacy policy gratuitamente, relegando determinate funzioni alla versione Pro.

Come creare una privacy policy con Iubenda? Per prima cosa dovrai registrarti, rilasciando l’url del tuo sito web e indirizzo e-mail. Successivamente il tool ti chiederà l’ambito di applicazione della privacy policy che vuoi generare (sarà per il tuo sito web, Facebook App o Mobile App?) per poi passare ad altri dettagli più tecnici tramite modulo guidato preposto, dove ti sarà richiesto di selezionare i servizi che useranno i cookie del tuo sito web, da Google Analytics a Facebook, agli strumenti per il retargeting a molto altro ancora. Ti verrà, inoltre, richiesto di indicare i titolari e i responsabili per la protezione dei dati dentro la tua impresa, consentendo l’applicazione della norma contenuta nel nuovo regolamento.


Infine, Iubenda rilascerà la privacy policy in duplice forma: semplificata e completa. La prima è un riassunto semplificato, realizzato per una lettura veloce dei punti principali mentre la seconda riporterà il testo integrale, comprensivo di linguaggio legale.

Per saperne di più su tutte le funzioni del tool, puoi cliccare qui.

come funziona iubenda privacy policy gdpr
Esistono alternative online a Iubenda?

Sì, tante e molto diverse tra loro. Se di alternative ve ne possono essere numerose (possiamo, ad esempio, nominare PRIVACY POLICIES.COM e il policy generator di Shopify), ricordati sempre di utilizzare un servizio che si confa alla normativa italiana in materia, che su alcuni punti è molto più specifica di quella europea.

Un esempio di strumento che lavora in italiano è quello – gratuito – fornito da Nabirumail, che ben si adatta ai siti in WordPress (ne esiste anche il plug in) e lavora diversamente da Iubenda: una volta inserito il tuo sito web, lo script lo analizzerà per trovare i servizi cui il sito si appoggia e che hanno necessità di una normativa sulla policy, generando la privacy policy di conseguenza.  

cookie policy generatore nabirumail alternativa a iubenda

Ok, questione cookies risolta.

E che dire della gestione dell’e-mail marketing per adeguarsi al GDPR?

Se da una parte l’implementazione del GDPR ha creato non poco scompiglio nella gestione del marketing delle imprese, turistiche e non, le opportunità di marketing che ha creato sono innegabili, anche per l’e-mail marketing.
Per gestire le tue campagne di e-mail marketing in applicazione del GDPR, puoi, infatti, lavorare in diverse direzioni ma non sembra esserci un tool online e automatizzabile che sappia, diciamo, “correggere gli errori” in maniera veloce e senza troppo stress da parte delle imprese. Ciò non implica che i provider di servizi di questo tipo come MailUp o MailChimp non si siano dati da fare nel frattempo, aggiornando i propri termini e condizioni nonché privacy policy per consentire un adeguamento ai precetti del GDPR sia per le loro imprese sia per le loro imprese clienti.

 

In conclusione

Ogni impresa è un caso specifico a sé e nonostante il vortice legislativo italiano in cui vivono tutte le imprese, turistiche e non, l’applicazione del GDPR non dovrà essere preso sottogamba. Il nostro consiglio? Se non l’hai già fatto, considera l’aiuto di un legale che possa aiutarti nella gestione di questo passaggio molto importante dell’adeguamento al GDPR e rimani aggiornato con le ultime news: potrebbe affacciarsi un caso d’impresa simile al tuo che potrà aiutarti a snellire il processo.

E tu quali altri stumenti online conosci che possono aiutare le imprese turistiche ad applicare il GDPR? Hai bisogno di una mano per impostare i tuoi contenuti in vista del GDPR? Raccontaci nei commenti!

Impara a creare una strategia di web marketing turistico dalla A alla Z

Scopri di più