Skip to main content
MARKETING PER L'ENOTURISMO

Marketing del vino: la brand identity per le cantine di vino

By April 20, 2022No Comments
Marketing del vino

Prima ancora di parlare degli strumenti pratici del marketing del vino bisogna spiegare perché è necessario creare una brand identity. La brand identity è la personalità di marca ed è composta da più elementi, sia fisici che psicologici che insieme concorrono a creare l’immagine aziendale.

Marketing del vino: che cosa serve per creare la propria brand identity?

Per creare la brand identity di una realtà attiva nel settore dell’enoturismo occorre osservare la propria realtà, il mercato, i concorrenti e il target per poi andare a definire una efficace strategia di marketing del vino.

I pilastri della brand identity vincente sono:

Caratteristiche del brand:

Fortunatamente il vino e le aziende vitivinicole hanno di base già delle caratteristiche distintive naturali date dal proprio terroir. Dobbiamo considerare poi la storia della cantina, le persone che la compongono e tutti gli elementi distintivi che possono far emergere i nostri vini e la nostra realtà come uniche.

Vision, mission e valori:

Sulla base delle caratteristiche del nostro brand, dobbiamo individuare gli altri elementi fondamentali della brand identity: vision, mission e valori.
I valori sono quegli elementi distintivi fondamentali nel marketing del vino, in quanto le persone comprano i prodotti o i servizi perché condividono i valori che stanno dietro a essi. Esempio: sempre di più persone richiedono e apprezzano il vino biologico e sostenibile perché ritengono sia importante salvaguardare le vigne e bere prodotti più naturali possibili.

Vision e mission invece sono due elementi che servono a raccontare la propria visione di azienda dei prossimi dieci anni e gli obiettivi a breve termine da intraprendere per portare a termine questa visione. Esempio: Visione: diventare un’azienda sostenibile che salvaguardia il territorio in cui opera. Missione: convertire le vigne a regime biologico, introdurre la biodiversità all’interno del vigneto, registrare la propria impronta carbonica etc.

Definizione del target:

Il target o pubblico di riferimento, nel mondo del marketing del vino è un altro aspetto fondamentale. Sapere a chi rivolgersi e come farlo sono le basi per un’ottima comunicazione efficace. Dopo aver svolto un lavoro di ricerca e analisi possiamo individuare il target a cui vogliamo parlare e ideare una strategia di comunicazione che tratterà temi legati alla nostra identità aziendale e di interesse per il nostro target.

Visual identity: logo, font, payoff, etichette, packaging, brochure, gadget

Anche l’occhio vuole la sua parte e la visual identity è un altro aspetto importante del marketing del vino e della brand identity. Questi elementi grafici vanno pensati sempre in ottica di differenziarci dai concorrenti e devono essere vincolati alla nostra vision e mission. Se la mia visione è quella di diventare un’azienda sostenibile logo, payoff – una breve frase che spieghi cosa fa l’azienda – ed etichette dovranno riflettere questa idea di sostenibilità; mentre packaging, brochure e gadget dovranno essere nella pratica già sostenibili. Andranno pensate idee ad hoc come la brochure digitale o imballaggi per le spedizioni riciclati e riciclabili.

Le etichette del vino sono uno dei più importanti biglietti da visita della tua azienda. Sono fondamentali all’interno della strategia di brand identity. Per approfondire il tema leggi questo articolo che ho scritto su Winemeridian.

Tono di voce e stile di comunicazione:

L’ultimo pilastro della brand identity è il tono di voce, cioè il modo in cui noi comunichiamo la nostra azienda enoturistica al mondo. È fondamentale individuare le caratteristiche dell’azienda, ma altrettanto saperle raccontare al pubblico.

Con tono di voce ci si riferisce allo stile di comunicazione che vogliamo dare alla nostra realtà: può essere fresco e giovanile, può essere serio e didattico, ironico e irriverente, anticonformista e innovativo. Il tono di voce e lo stile visivo delle comunicazioni deve sempre fare riferimento alla vision e alla mission e se avremo una visione legata al futuro non potremmo di certo parlare di temi come storia della cantina con un tono nostalgico, altrimenti non saremmo credibili e manderemmo in confusione il consumatore.

Marketing del vino e brand identity: un argomento un po’ ostico?

Sicuramente è un tema che per i non addetti ai lavori è difficile da approcciare, ma è fondamentale per mettere le basi della tua strategia di marketing del vino.

Se sei proprietario di una azienda vinicola hai la fortuna che la tua cantina e i tuoi vini hanno caratteristiche innate differenti da ogni altra realtà e questo è un dono che non tutti i settori merceologici hanno. Avendo già queste caratteristiche uniche presenti in azienda dovrai solo trovare il modo di comunicarle nella maniera corretta al target corretto per ottenere grandi risultati.

Marketing del vino e brand identity: ma serve davvero?

Sì, è fondamentale. Il marketing del vino e la brand identity ti aiuteranno a:

  • Aumenta le vendite;
  • Aumenta il valore percepito dell’azienda;
  • Aumentare il prezzo dei propri prodotti;
  • Fidelizzare i clienti.

Continua a seguirci perché parleremo ancora di marketing del vino e di brand identity nei prossimi mesi.

Ti aiuteremo a comprendere perché è così importante conoscere questi strumenti e sfruttarli al massimo per la tua attività legata all’enoturismo. In attesa dai uno sguardo a questo articolo sulla figura dell’enoturista.

Immagine -> Designed by rawpixel.com / Freepik