Il mercato del turismo è un mondo in continua evoluzione, le tendenze e le statistiche che lo riguardano mutano velocemente e questo sia a livello del contesto italiano che nel mondo.

Per chi lavora all’interno di questo segmento è necessario rimanere aggiornati sui trend per poter offrire la migliore esperienza e per misurarsi con i vari competitors.

Ma vediamo insieme quali sono le statistiche del Turismo mondiale e in Italia, relative al 2019, in previsione di quelli che potrebbero essere i trend del 2020.

Statistiche del turismo in Italia: Quali sono i flussi turistici?

Grazie alla ricerca annuale di Tripadvisor possiamo conoscere quali sono le tendenze dei turisti per quanto riguarda le destinazioni per le loro vacanze. Il Summer Vacation Destinations Report offre una panoramica sulle tendenze di viaggio degli italiani. Dei dati utili per le previsioni del 2020.

  1. Al primo posto tra le mete del Bel Paese scelte dai turisti italiani troviamo L’Isola d’Elba, per il secondo anno consecutivo. Seguono subito dopo le classiche Rimini e Riccione. Roma è l’unica meta non balneare presente nella top 10 delle destinazioni italiane (Tripadvisor, 2019)
  2. Per quanto riguarda i viaggi degli italiani all’estero troviamo invece la Grecia e la Spagna come protagoniste dell’estate. È Creta a vincere la medaglia d’oro, mentre per quanto riguarda la Spagna, conquista il secondo posto Maiorca. (Tripadvisor, 2019)

Statistiche Turismo

Per quanto riguarda le mete oltreoceano invece, gli italiani confermano l’interesse verso gli Stati Uniti e il Giappone.

Il mare caraibico attrae non solo in inverno, ma le statistiche dimostrano che anche in estate i viaggiatori italiani amano prendere il sole nelle acque dell’Oceano Indiano, scegliendo soprattutto Zanzibar, Kenya, Madagascar e Maldive. A perdere invece di posizione rispetto al passato, troviamo Messico, Sri Lanka e Caraibi. (Astoi Confindustria Viaggi, 2019)

I turisti stranieri in Italia: cosa scelgono?

Per ciò che riguarda i turisti stranieri che arrivano in vacanza in Italia, quali sono le città del Bel Paese preferite per le proprie vacanze? E come procede il flusso turistico rispetto agli anni passati?

Secondo l’Assoturismo Confesercenti, è stato registrato un calo delle presenze attese per Giugno e Luglio. I bilanci prevedono infatti circa 205 milioni di presenze, quasi 2 Milioni in meno rispetto all’estate del 2018. Il motivo è da ricollegare in parte al maltempo e in parte alla ripartenza delle mete del Mediterraneo, che prima venivano scartate a causa delle tensioni politiche.

Le mete balneari scelte dai turisti stranieri in Italia sono nell’ordine:

  • Sardegna
  • Sicilia
  • Puglia
  • Calabria

Mentre per quanto riguarda i grandi classici, non perdono fascino Venezia, Firenze e Roma. (Astoi Confindustria Viaggi, 2019)

Prospettive per il 2020: cosa amano fare i viaggiatori durante le loro trasferte? Parlano le statistiche!

Non sono solo le destinazione a mutare di anno in anno, ma secondo le statistiche, anche il modo di vivere il viaggio sono in continuo cambiamento.

Certamente a fare la differenza è il cambio generazionale, e di conseguenza i diversi interessi rispetto al passato. Ne è un esempio la Generazione Z che ad oggi costituisce una grossa fetta del mercato turistico.

Ma che cosa cercano i turisti quando viaggiano?

Statistiche Turismo Italia

Ce lo rivela Booking.com grazie all’analisi sui trend di viaggio del 2019, svolta sulla base di 163 milioni di recensioni verificate, 21,500 mila viaggiatori provenienti da 29 differenti Paesi:

  • Viaggio di conoscenza: Il viaggio viene visto come un vero e proprio mezzo di realizzazione personale, dando uno scopo alla vacanza. Oltre la metà dei viaggiatori considera il viaggio come un fruitore di lezioni di vita. Troviamo quindi un aumento di viaggiatori che amano migliorarsi durante il proprio viaggio e imparare qualcosa di nuovo. Il viaggio di conoscenza è quello che la Generazione Z preferisce, soprattutto per una questione di crescita professionale, optando quindi per viaggi all’insegna del volontariato e esperienze formative estere
  • Turismo sostenibile: Molti dei turisti intervistati da Booking.com non dimenticano la tutela dell’ambiente, per questo i loro viaggi sono mutati in ecofriendly. L’86% si dichiara disponibile ad utilizzare una parte della propria vacanza, in attività che compensi l’impatto ambientale del proprio soggiorno. Il 37% si ritiene pronto per svolgere attività come la pulizia della spiaggia con raccolta di plastica e rifiuti, mentre il 58% potrebbe rinunciare ad un viaggio sapendo che quest’ultimo potrebbe avere delle ripercussioni negative sull’ambiente circostante
  • Ricerca di esperienza: Per il 60% degli intervistati, il viaggio deve offrire un’esperienza, la quale vale molto più di un possedimento materiale. Si parte da esperienze enogastronomiche, passando per lo shopping fino ad arrivare a sport estremi. Il 42% dei viaggiatori (la maggior parte Millennials o Post Millennials) vorrebbe un viaggio che possa farli tornare bambini attraverso esperienze uniche.
  • Vacanze brevi: Circa la metà dei viaggiatori desidera viaggiare maggiormente nei weekend, con itinerari brevi e personalizzati. La filosofia del “less is more” prende quindi piede tra i viaggiatori, con esperienze di viaggio brevi ma ben pianificate

(Fonte: Booking.com, 2019)

La tecnologia e il fai da te alla base delle statistiche del turismo mondiale

Secondo le statistiche e i dati raccolti dall’Osservatorio Bookassist, più di un quarto del fatturato delle prenotazioni alberghiere dei paesi anglosassoni è generato via mobile. In Italia cresce il mobile a svantaggio delle prenotazioni via pc o tablet.

Nel 2018, il traffico generato verso i siti web di prenotazione è arrivato per un buon 50% da dispositivi mobile (Osservatorio di Bookassist, 2018)

 

I turisti di oggi apprezzano molto più i viaggi personalizzati, amano poter organizzare la propria vacanza in totale autonomia, ed è per questo che le applicazioni utili alla prenotazione di voli, ristoranti ed esperienze, sono le più utilizzate dai viaggiatori, sia prima che durante il viaggio.

Statistiche Turismo in Italia(Fonte: Newebsolutions, 2019)

La maggioranza dei turisti si informa principalmente in rete, ma quali sono le principali fonti di ricerca?

  1. Al primo posto troviamo Google con il 56%
  2. Segue Tripadvisor con il 38%
  3. Youtube 19%
  4. Instagram e Facebook 19%

(Fonte: Ricerca di Arival del 2019)

Conoscere le statistiche sul turismo mondiale, o nello specifico quelle italiane, è importante per tutti gli operatori del travel, soprattutto per poter garantire al potenziale cliente tutto ciò di cui ha bisogno. E’ fondamentale che il viaggiatore abbia a disposizione tutte le opzione per poter vivere il viaggio che desidera, e il modo più semplice per poter garantire questo è conoscere quelle che sono le tendenze e i trend di mercato.

È importante offrire ai viaggiatori delle esperienze da ricordare.

Hai bisogno di una mano per promuovere le tue proposte?

Scarica la guida al digital marketing di XeniaPro oppure partecipa al nostro corso dedicato:

Impara a creare una strategia di web marketing turistico dalla A alla Z

Scopri di più

Hai domande? Scrivici su whatsapp