Un tour operator come te non può negarlo: i tuoi clienti scoprono, cercano e approfondiscono la conoscenza di servizi e prodotti turistici trasversalmente su una molteplicità di canali, online e offline.

Se da una parte non è sempre possibile, se non a grandi budget, essere presenti efficacemente su tutti i canali digitali utilizzati dal nostro target, dall’altra è sicuramente d’obbligo riconoscere che una strategia di Marketing multicanale va presa in considerazione, anche su piccola scala. Se non altro per testare quale tra i canali digitali a disposizione sia la giusta direzione.

Ogni giorno i tuoi potenziali clienti sono letteralmente bombardati di contenuti di ogni tipo: video, foto, articoli fanno altrettanta concorrenza a banner e altre pubblicità online per accaparrarsi la loro già pochissima attenzione. E se ci pensi è proprio questo uno dei motivi per cui le più grandi piattaforme pubblicitarie (Google, Facebook,…) lavorano con meccanismi ad asta: il tuo annuncio avrà tanta più visibilità quanto più è in linea con le intenzioni e interessi del tuo target, dato un certo contesto concorrenziale. 

 

La convergenza tra marketing turistico e strategia di distribuzione di esperienze: il marketing multicanale

Secondo quanto riportato su PhocusWire da Stephen Taylor, Chief Revenue Officer di Sojern:

  • Solo il 18% degli executives dei brand del settore travel & hospitality crede che la propria azienda sia digitalmente matura 
  • 1 travel marketer su 2 ha indicato annunci e offerte personalizzati in tempo reale come la sfida più importante.

Infatti, nota Taylor, man mano che il mercato si fa più maturo e incorpora le nuove tecnologie, le strategie di marketing turistico e quelle di distribuzione di esperienze vanno progressivamente a convergere. Il conseguente impatto sul settore comporta la necessità di attivare una strategia multicanale.

Di fatti stiamo già assistendo a fenomeni di questo tipo se pensiamo all’uso principale di Google Ads, tipicamente utilizzato proprio per intercettare le intenzioni di ricerca di prodotti e servizi e spingerne la vendita. Ma pensiamo anche alla “necessità” di rispondere alle recensioni ricevute o alla cura del profilo del proprio tour operator su TripAdvisor, divenuto parte fondamentale del processo di vendita.

Per questo un approccio olistico al marketing turistico è la strategia più adatta per andare incontro alle abitudini nonché esigenze mutevoli e differenziate del nostro target. 

Il ruolo della personalizzazione in una strategia multicanale: una sfida

Un momento un viaggiatore è in Danimarca per lavoro, il momento dopo ha acquistato un weekend con la famiglia in Portogallo: da un punto di vista semplicistico, questa persona è inquadrabile nel segmento viaggiatori B2B e allo stesso tempo nel segmento B2C ma rimane sempre la stessa persona. La cosa si complica ulteriormente se pensiamo che il momento in cui questa persona sente la necessità di prenotare non corrisponde a quello della ricerca delle informazioni, così come le motivazioni, le esigenze e le tempistiche di viaggio non sono le stesse. Una strategia di marketing multicanale non dovrebbe essere in grado soltanto di coprire i canali migliori per raggiungere il proprio target ma anche e soprattutto saper raggiungerlo nel momento giusto con il contenuto giusto. 

Una cosa che soltanto segmenti di pubblici altamente profilati possono garantirti, avendo un livello di dettaglio tale da consentirti un approccio di questo genere.

Una svolta nel marketing multicanale: pro e contro per i tour operator e le OTA

La personalizzazione come cardine di una strategia di marketing multicanale porta a una domanda: fino a quale livello di personalizzazione dovremmo spingerci? E soprattutto, vale la pena? Il rischio di un approccio one-to-one e quindi di per sé non consente economie di scala è in agguato. D’altro canto, è anche per questo che personalizzare l’esperienza dell’utente con il nostro brand è un investimento che tipicamente le grandi aziende sono in grado di supportare.

Ma occorre vedere anche l’altro lato della medaglia. Le piccole e medie aziende possono permettersi un lusso che le grandi OTA non potranno mai raggiungere: offrire un’esperienza di viaggio altamente customizzata, presenza in loco, assistenza h24 e un impatto dal punto di vista relazionale che non ha eguali. 

La sfida qui diventa riuscire a trasmettere e amplificare con una strategia di marketing multicanale online la vera personalità del team, e di conseguenza, del brand. 

Come? Grazie alla creazione di contenuti ad hoc.

 

Le relazioni al centro di una strategia multicanale di Marketing

Affermare che per benessere relazionale si intenda soltanto la cura dei rapporti intrapersonali, interpersonali e dell’affettività, è sicuramente limitante ma ci guida nella definizione dei contorni di una filosofia già insita nella cultura italiana dell’ospitalità: il cliente e la sua soddisfazione sempre al centro. Anche attraverso una strategia di Marketing digitale multicanale puoi mostrare ampiamente la cura per le relazioni che caratterizza il tuo tour operator: dai video e foto contenuti pubblicati sui social media al tono del brand utilizzato nelle interazioni con il cliente potenziale.

Tieni sempre a mente che l’online è un’amplificazione di ciò che accade offline.

 

Strategia multicanale: il trucco

Utilizza i dati per stabilire l intento del cliente potenziale al momento della connessione online. Nel momento in cui lo stai raggiungendo, in quale fase si trova? Una volta stabilito questo, dovrai fare in modo che la soluzione alla domanda esplicita e inespressa sia sempre il tuo tour operator – anche online.

Facciamo un esempio. 

La tua target audience sta cercando informazioni su una destinazione? È plausibile che lo farà accedendo ai motori di ricerca ed è li che dovrai far trovare un articolo del tuo business blog che spiega le informazioni più interessanti da sapere.

Se invece si trova in una fase di prenotazione, il tuo target potrebbe ricercare delle offerte specifiche: come fare in modo che trovi proprio la tua offerta?

Per avere successo con la tua strategia di marketing turistico, digitale, multicanale dovrai prima di tutto mappare il percorso tipico di acquisto del tuo target e poi creare contenuti ad hoc che possano informarlo con la risposta giusta al momento giusto. 

Tutto qui? Ebbene sì. 

L’obiettivo del marketing digitale e quindi di quello multicanale è proprio quello di raggiungere la persona giusta con il messaggio giusto al momento giusto. 

Per farlo devi imparare a conoscere la tua target audience come le tue tasche. 

E il resto? Beh, se hai dubbi, puoi sempre chiedere a noi!

Se hai bisogno di una mano con la tua strategia di marketing multicanale, dacci un colpo o iscriviti alla nostra newsletter! Noi del team di XeniaPro siamo a tua completa disposizione. 

Nel frattempo, puoi dare un’occhiata alla nostra ultimissima guida: buona lettura!

 

guida marketing turistico pdf

 

Commenti

Lascia un commento e condividi il tuo punto di vista con la community

M.Giulia Biagiotti

M.Giulia Biagiotti

Grazie ad un'esperienza di lavoro internazionale che l'ha portata dall'Italia a Parigi, Dublino, Valencia ed in Svizzera, Giulia si è specializzata in Digital Marketing e strategie Inbound, dall'ottimizzazione SEO alla creazione e promozione dei contenuti, per assistere le imprese nella gestione efficace della loro presenza online. Ti va di farle un saluto? Scrivile pure su LinkedIn o mandale un tweet!