Non importa se lavori nel B2B o B2C: se hai deciso di includere il Content Marketing nella tua strategia Digital per il 2019, ci sono degli elementi che dovrai assolutamente tenere a mente. E non stiamo parlando soltanto degli ultimi trend sull’argomento ma anche di un punto di vista strategico imprescindibile per avere successo con una strategia di contenuti. Cosa non può mancare nella tua strategia di Content Marketing per il 2019?

1. Nel 2019 vinceranno i Contenuti più “facili da consumare”

La battaglia per catturare l’attenzione del cliente online è sempre più accesa.

Content marketing turismo 2019 soglia di attenzione

Fonte: PostFunnel, 2019

Di fronte a un numero crescente di stimoli ricevuti, non è un caso se Facebook, Instagram e altri top player digitali si son lanciati sul formato dei video, uno dei contenuti più semplici da “consumare”. Ma attenzione: continuano ad ottenere ottime performance in determinate nicchie altri formati, anche più “lunghi” quali gli articoli da oltre 2000 parole, in cui l’engagement e la leggibilità del contenuto (anche veloce) sono fondamentali.

Content Marketing nel 2019: quale formato scegliere?

Secondo l’ultimo report pubblicato da Expedia (2018) i viaggiatori sono più portati all’acquisto se il contenuto della pubblicità riporta, per ordine di importanza: 1) Una buona offerta; 2) Contenuti visuali interessanti – immagini, video, etc.; 3) Informazioni utili anche se in formato pubblicitario.

Soprattutto per chi come te lavora nel settore dei tour e delle esperienze, la scelta del formato dei tuoi contenuti è cruciale. Quali formati dovresti tenere in considerazione per la tua strategia 2019?

  • Contenuti in formato video. Ma anche qui dovrai giocare bene le tue carte in termini di differenziazione. Considera che:
      1. Le pubblicità video pubblicate sui social media sono la modalità principale con cui i clienti scoprono un nuovo brand, prima ancora del consiglio di amici e parenti (Animoto)
      2. Se in una pagina sono disponibili contenuti sia in formato video sia di testo, il 72% dei clienti preferisce guardare il video per saperne di più su un prodotto o servizio (Wyzowl)
      3. L’81% delle imprese avrebbe utilizzato il formato dei video nelle proprie strategie di marketing nel 2018 con effetti positivi sul ROI (il 63% nel 2017) (Entrepreneur, 2018)
  • Blog. Il blog è il formato di contenuti che preferisco per la sua versatilità (può tranquillamente includere anche gli altri formati), la sua longevità (una volta pubblicato un articolo è una risorsa che rimane nel tempo) e la creatività che serve per mantenere alta la qualità dello strumento. La lunghezza ottimale degli articoli dipende fortemente dagli obiettivi di Content Marketing che ti sei posto per il 2019: infatti, per determinate nicchie, anche gli articoli più lunghi continuano a ottenere ottime performance e su più fronti, non soltanto dal punto di vista organico.

Qualunque formato tu scelga, si tratterà di un punto di inizio: se il contenuto funziona, potrai decidere di riproporlo sotto nuovi formati e su nuove piattaforme per aumentarne ancora di più le performance.

Continua a leggere: Come selezionare il formato di Content Marketing perfetto per il tuo target di viaggiatori

2. Old but gold: l’analisi della concorrenza

Un punto fondamentale per la tua strategia di Content Marketing ma a cui, nella mia esperienza, ho visto dare sempre troppo poca importanza, è l’analisi della concorrenza. Se non l’hai già fatto per la tua strategia di Marketing 2019, parti dalla definizione di un primo gruppo di competitor diretti a partire dalle imprese turistiche che:

  • Soddisfano lo stesso bisogno – Evasione di un weekend? Viaggio culturale?
  • Lavorano sul tuo stesso mercato di riferimento -B2B o B2C? Incoming o outgoing? Su quali paesi? Rispetto a quali mercati di riferimento?
  • Offrono una stessa soluzione di prodotti e servizi –  Tour, attività a destinazione, esperienze multi-day, transfer, etc.

L’analisi della concorrenza nel Content Marketing estende questo stesso punto di vista sulle piattaforme e sui formati di contenuti utilizzati dalla concorrenza. In particolare, ecco alcuni elementi nel 2019 a cui dovrai fare bene attenzione:

  • I tuoi competitor organici, ossia quelli che si posizionano sulle keyword su cui vuoi lavorare per posizionare il tuo blog o sito web
  • I tuoi competitor negli annunci a pagamento, ossia quelli che hanno attivato delle campagne di paid advertising su canali come Google Ads, Facebook Ads, etc.
  • I formati utilizzati dai tuoi competitor per convogliare il proprio messaggio, dai video, al blog, alle guide scaricabili, etc. di cui dovrai valutare il grado di successo ottenuto.

3. L’arma vincente per il Content nel 2019? La personalizzazione dei contenuti

La nuova forma di vivere il viaggio come un’esperienza formativa, ispirazionale e fortemente legata all’emotività del viaggiatore sta portando il mercato a rispondere con sempre nuove forme di offerta esperienziale. Ma per rendere un’esperienza davvero unica e sentita da parte del cliente, la conoscenza del proprio mercato di riferimento si fa cardine. Nonostante i recenti dibattiti sulla privacy, gli stessi clienti desiderano un’esperienza personalizzata anche dal punto di vista dei contenuti. Interessanti a riguardo i dati del recente report pubblicato da IATA secondo cui risulta che l’82% dei passeggeri desidera informazioni in tempo reale sul proprio viaggio direttamente sul proprio dispositivo personale e che il 65% sarebbe disposto a condividere dati personali in cambio di una maggiore sicurezza.

Un ultimo consiglio? Dai importanza dell’esperienza, anche nel contenuto

In un recente articolo Phocuswire proponeva il seguente criterio per stabilire se un’impresa offre servizi turistici o offre esperienze: nel primo caso, l’impresa punta a rispondere al bisogno del cliente di risparmiare tempo; nel secondo, si punta invece ad offrire del tempo speso “bene” da parte del cliente. Ed è questo l’approccio che dovrai applicare anche nella tua strategia di Content Marketing nel 2019.

 

CTA_Pacchetto content marketing start turismo imprese turistiche

Commenti

Lascia un commento e condividi il tuo punto di vista con la community

M.Giulia Biagiotti

M.Giulia Biagiotti

Grazie ad un'esperienza di lavoro internazionale che l'ha portata dall'Italia a Parigi, Dublino, Valencia ed in Svizzera, Giulia si è specializzata in Digital Marketing e strategie Inbound, dall'ottimizzazione SEO alla creazione e promozione dei contenuti, per assistere le imprese nella gestione efficace della loro presenza online. Ti va di farle un saluto? Scrivile pure su LinkedIn o mandale un tweet!