Il marketing territoriale, che ha ormai assunto un ruolo incisivo per quanto riguarda le strategie di comunicazione nel settore del turismo, si tiene al passo coi tempi. Come? Attraverso Instagram!

Il viaggiatore ha cambiato il suo punto di vista, e di conseguenza le strategie per affascinarlo e convincerlo a scegliere una meta piuttosto che un’altra, sono in continuo aggiornamento. Ma come organizzano e pianificano le proprie vacanze i viaggiatori di oggi? Quanto è cambiato il modo di vivere il viaggio?

Abbandonate le brochure e il turismo per così dire “distaccato”, i viaggiatori attuali si affidano alle immagini e alle esperienze di altri viaggiatori che li hanno preceduti.
Partendo dalla meta fino alle attività da svolgere una volta giunti a destinazione, Instagram è fonte di ispirazione per circa il 96% dei viaggiatori, secondo quanto riporta Facebook IQ.

Questo cambiamento nella scelta e nella pianificazione dei viaggi non è passato inosservato alle imprese del turismo e travel, le quali, anzi, hanno capito che Instagram è divenuto uno strumento di marketing territoriale fondamentale.

Ma qual è il miglior metodo per attirare sul proprio profilo Instagram i potenziali viaggiatori e “influenzarli” nelle proprie decisioni? Scopriamolo insieme!

Instagram e il turismo, un connubio perfetto

Vi sarete chiesti cosa rende Instagram così importante per la vostra strategia di marketing, la risposte è il visual storytelling! Raccontare un luogo attraverso le immagini è senza dubbio quello che ad Instagram riesce meglio.

Non sai da dove prendere spunto? Dai un’occhiata qui: Instagram & Turismo: 5 aggiornamenti che i Tour Operator non possono lasciarsi scappare

Il viaggiatore, ha bisogno di scoprire le località da visitare attraverso emozioni e sensazioni sentendosi parte di esso e Instagram svolge questo compito in modo eccellente, grazie alla forte capacità di coinvolgere visivamente il viaggiatore.

I video, le immagini, le piccole “storie”, i sondaggi: sono tutte opzioni offerte da Instagram per offrire il massimo al potenziale viaggiatore, per farlo sentire parte integrante del luogo che vorrebbe visitare, alimentando ancora di più la sua curiosità.

Quali sono gli obiettivi da perseguire per il marketing territoriale su Instagram?

Anche quando parliamo di imprese turistiche, si dovranno perseguire degli obiettivi precisi nella strategia di marketing territoriale, in questo caso sarà l’Instagram Manager a farlo, se così lo si può definire. Ma vediamo insieme quali sono i principali obiettivi appunto:

  • Attrarre traffico – Lo scopo dell’uso di Instagram è quello di favorire le visite al tuo sito web o blog.
  • Generare contatti e leads – Trasformare quindi le visite in leads, facendo puntare i post verso Landing Pages con Form di contatto
  • Saper coltivare i leads sui social – Creando post ad hoc per i viaggiatori già presenti nel funnel, ad esempio con campagne di retargeting
  • Sviluppare engagement online – Un ottimo strumento per trasformare i viaggiatori in veri e propri promotori dei prodotti offerti, anche grazie all’uso di hashtag o tag.

Come annunciato da Instagram, alla fine del 2017 sulla piattaforma si contavano oltre 25 milioni di profili business. Imprese di piccole o grandi dimensioni le quali affermano di aver creato il proprio business nell’ambito del turismo anche grazie al Social.

Tra le pagine più importanti, che hanno saputo sfruttare al meglio il potenziale di Instagram nel campo del turismo, troviamo non solo Hotel, Resort, ma anche TO e ADV. Un esempio di successo è senza dubbio, ALPITOUR, la più importante e poliedrica realtà turistica italiana, la quale possiede una pagina IG con oltre 110mila followers.

Instagram per il marketing territoriale, l’esempio delle DMO

Ad utilizzare Instagram come strumento di ispirazione per la propria clientela, troviamo un segmento importante nell’ambito del marketing territoriale e del turismo, quello delle DMO.
Queste ultime sono pronte ad ottenere risultati importanti attraverso l’utilizzo del social network.

Le DMO – e gli enti di promozione del territorio in generale – hanno iniziato ad approcciarsi alla pubblicità digitale qualche anno fa, e ora la utilizzano non solo per coinvolgere i nuovi viaggiatori, ma per guidarli anche durante la visita.

 

Considerando che attualmente i viaggiatori utilizzano i social media per accrescere il loro desiderio di viaggio, anche la strategia delle DMO è cambiata. I viaggiatori non sono più solo interessati all’immagine generica della destinazione ma vanno alla ricerca di un viaggio esperienziale.

Leggi anche: Le migliori DMO Italiane su Instagram: esempi di successo nel turismo

Le piattaforme pubblicitarie presenti sui social danno maggior contesto alle immagini attraverso le Instagram Stories, i video, ma anche il Geo-Tag, offrendo così un’esperienza stimolante e ancor più accattivante per i viaggiatori che cercano l’ispirazione per il proprio viaggio.

Per questo motivo le DMO ora preferiscono investire il proprio budget nella pubblicità online piuttosto che in quella offline.

Instagram è un valido strumento per chi lavora nel turismo ma occorre saperlo utilizzare bene. Non sai da dove cominciare? Clicca qui e chiedi una mano a XeniaPro!

Commenti

Lascia un commento e condividi il tuo punto di vista con la community