Skip to main content
MARKETING TERRITORIALE

Marketing territoriale: come comunicare la sostenibilità in 4 mosse

By May 29, 2022No Comments
Marketing territoriale sostenibilità

Marketing territoriale: come comunicare la sostenibilità in 4 mosse

La pandemia globale ha certamente cambiato le nostre abitudini di viaggio, le quali hanno un impatto non di poca importanza sul marketing territoriale. Sempre più persone sono sensibilizzate alla sostenibilità dei territori e alla loro preservazione, diventati ormai due dei criteri fondamentali di scelta della destinazione delle loro vacanze.

Secondo il report annuale sulla sostenibilità di Booking.com, l’83% dei viaggiatori pensa che il turismo sostenibile sia vitale. Il 61% degli intervistati ha affermato che la pandemia li abbia spinti a voler viaggiare in modo più sostenibile nel futuro.

Si tratta quindi dell’occasione per le DMO et DMC di cavalcare l’onda di questa nuova tendenza di viaggio, di abbracciare la sostenibilità e di farne una parte importante del loro marketing territoriale.

Ma come fare promuovere e comunicare la sostenibilità delle destinazioni? In questo articolo, XeniaPro sottolinea come integrare la sostenibilità alla propria strategia di marketing territoriale in 4 mosse.

1) Creare dei contenuti specifici relativi alla sostenibilità

Il primo step per valorizzare la sostenibilità nel proprio piano marketing territoriale è quello di integrare dei contenuti specifici sulla sostenibilità nella propria strategia di content marketing.

Essere visibili quando le persone cercano delle destinazioni sostenibili è essenziale per far parte del loro paniere di scelta.

Un’ottima idea di mettere in pratica questa mossa è quella di informare le persone e accompagnarle nel loro desiderio di viaggiare più consapevolmente:

  • Cominciare prima di tutto dal dare dei consigli pratici su come viaggiare rispettando l’ambiente e le culture locali: quali sono gli azioni da adottare e come godersi il proprio soggiorno in maniera sostenibile senza rinunciare ai propri desideri.
  • Informare i turisti su come muoversi e sulla mobilità “dolce”, ovvero tutti le alternative sostenibili per spostarsi e godersi le proprie vacanze con un impatto negativo zero sull’ambiente.
  • Mettere sotto ai riflettori le zone sostenibili e offrire dei contenuti inerenti intervistando le persone che sono direttamente coinvolte nella loro salvaguardia. Un esempio potrebbe essere quello di far intervenire la guardia forestale offrendo l’opportunità di imparare dagli attori che sono in prima linea.

2) Un marketing territoriale che offre delle alternative

Quasi metà degli intervistati per il report di Booking.com ha dichiarato che non esistono ancora delle alternative sostenibili da adottare durante il loro viaggio.

Il marketing territoriale può promuovere le esperienze a zero impatto sull’ambiente e le culture locali che possono essere svolte per scoprire la destinazione: dal trekking, al kayak, alle passeggiate in sella ad una bici, le DMO possono promuovere il territorio offrendo delle alternative al tradizionale modo di scoprire une destinazione.

Le alternative da proporre ai viaggiatori sostenibili non riguardano solo le attività da fare, ma anche l’hospitality. Sono sempre più numerosi gli attori del settore che includono nella loro offerta degli alloggi sostenibili per soddisfare la domande dei turisti.

Un esempio lampante è l’co-resort Arbatax Park, il più grande Park & SPA Resort della Sardegna che si trova all’interno di una riserva naturalistica e è stato premiato come miglior Eco Resort d’Italia e d’Europa 2021 per le sue iniziative eco-friendly e sostenibili.

Le DMO e DMC possono creare quindi delle sinergie con i sistemi di alloggio locali e promuovere un piano marketing territoriale coerente con i bisogni dei turisti.

3) Coinvolgere i le organizzazioni locali per un marketing territoriale autentico

La terza mossa per promuovere la sostenibilità delle destinazioni è quella di coinvolgere direttamente gli attori più vicini a questa realtà. Dalle persone locali che la abitano a quelle che ne hanno fatto il loro mestiere, non esistono testimonianze più autentiche capaci di fare da portavoce delle iniziative sostenibili.

Si tratta inoltre di un’opportunità in più di sostenere economicamente i business locali mettendoli al centro dell’esperienza turistica dei turisti che hanno a cuore la conservazione culturale e l’immersione totale nelle tradizioni e costumi dei territori visitati.

Il vantaggio supplementare di questa mossa risiede nella costruzione di una relazione profonda e vincente con gli organismi locali, che possono diventare dei fedeli ambassadors della destinazione e una parte rilevante del propria strategia di marketing territoriale.

4) Elaborare un piano della comunicazione chiaro

La quarta e ultima mossa per promuovere una destinazione in maniera sostenibile non può escludere la definizione di un piano della comunicazione chiaro che si basa su diversi pilastri:

  • Una strategia social media: nell’era in cui il 70% delle persone decidono la loro prossima destinazione sui social, è assolutamente necessario pianificare un piano editoriale social chiaro che includa tutti i canali utili e pertinenti alla destinazione in questione. E qualsiasi esso sia, non bisogna sottovalutare il potere delle tendenze attuali in termini di social e il bisogno dei contenuti autentici e veri dei viaggiatori.
  • La creazione di un network di influencer credibili e pertinenti che possano essere coinvolti nella comunicazione e nel marketing territoriale e che possano toccare una audience più grande di quella già toccata dalla DMO.
  • L’organizzazione di eventi a tema come dei workshop dove i turisti sono coinvolti a 360 gradi nell’esperienza turistica vivendola come una persona locale e rispettando l’ambiente. Un esempio flagrante delle esperienze immersive nell’enoturismo è quello di coinvolgere i turisti nella produzione locale del vino.

Con la ripresa del settore turistico e il desiderio forte delle persone di riprendere a viaggiare, le destinazioni devono poter anticipare e gestire l’aumento degli turisti sostenibili. Un marketing territoriale studiato nei dettagli e una promozione efficiente della sostenibilità in queste 4 mosse sono essenziali per garantire il successo della strategia.

Hai bisogno di promuovere le tue esperienze sostenibili? Contattaci per parlarne e definire insieme le azioni concrete da implementare!

Se vuoi approfondire il content marketing turistico, scarica la nostra Guida al Content Marketing Turistico per sviluppare la tua attività di content!